Ripensare l’Europa dalle fondamenta

Ripensare l’Europa dalle fondamenta

    Ripensare l’Europa

    A cura di Cristina Carpinelli e Vittorio Gioiello

    41bivvjkril-_sx329_bo1204203200_

    Presentazione:

    Il libro raccoglie gli atti di un Convegno che si è tenuto il 30 novembre 2013 a Sesto San Giovanni (MI). Promotore il CESPI con il patrocinio del Comune di Sesto San Giovanni e la collaborazione della Cooperativa UniAbita. Focus del Convegno è stato quello di mettere in evidenza come la crisi europea abbia cambiato l’assetto dei poteri, modificato l’equilibrio instabile dei rapporti tra gli Stati, e tra il livello nazionale e quello europeo. Le idee pacifiste, federaliste e democratiche, che avevano ispirato il Manifesto di Ventotene di Altiero Spinelli, hanno lasciato il campo alle ipotesi neo-funzionaliste dei burocrati di Bruxelles, le cui decisioni sull’economia non lasciano spazio ai processi democratici. Ma senza democrazia non c’è Europa. Non si uscirà dalla crisi se l’Europa non si decide a “varcare il passo” verso l’integrazione politica, che permetterebbe sia di difenderne la moneta sia di affrontare le politiche di riduzione delle ineguaglianze al proprio interno che è uno dei motivi per cui ha senso che esista l’Europa. Un’Europa politicamente unificata è possibile a condizione d’una democrazia sostanziale. L’individuazione di nuove rotte per l’Europa, a superamento della ricetta di “austerity e rigore finanziario” che, di fatto, ha prodotto recessione e disagio sociale, è l’unico modo per combattere, tra l’altro, populismi e nazionalismi in forte crescita.