LA SFIDA DELL’UNITÀ EUROPEA E LA DICHIARAZIONE DI CHIVASSO

LA SFIDA DELL’UNITÀ EUROPEA E LA DICHIARAZIONE DI CHIVASSO

    CESPI e Comune di Sesto San Giovanni sono lieti di invitarvi, presso Villa Visconti d’Aragona, (Sala Talamucci), via Dante 6, Sesto San Giovanni,
    il giorno 6 febbraio 2020, alle 21h00:

    LA SFIDA DELL’UNITÀ EUROPEA E LA DICHIARAZIONE DI CHIVASSO (locandina_cespi_def)

    Modera:
    Vittorio Gioiello, Direttore, CESPI

    Interviene:
    Alessandra Magro, Assessore alla Cultura

    Ne parlano:
    Carlo Maria Palermo, Comitato scientifico CESPI

    Paolo Lorenzetti
    Segretario cittadino, Movimento Federalista Europeo, Milano

    PRESENTAZIONE

    L’Europa e gli Stati che ne fanno parte stanno vivendo oggi la fase forse più difficile della loro storia dall’avvio del processo di unificazione nel 1950: l’attuale assetto istituzionale non sta reggendo agli urti della contemporaneità. La crisi dei debiti sovrani, della migrazione, la debolezza in politica estera hanno messo in difficoltà gli Stati, le istituzioni comunitarie e l’Unione stessa. Ma l’Europa, come preconizzata nel Manifesto di Ventotene del 1941, era concepita sull’idea federalista che la voleva “libera e unita”, e le sue Nazioni rifondate, come tratteggiate nella Carta di Chivasso del 1943, dovevano riarticolarsi alla radice in modo democratico a partire dal piccolo comune. Il progetto europeo merita una rifondazione sul modello federale: come deve cambiare l’Unione Europea per garantirne la legittimità democratica e la capacità di agire? Come possono cambiare gli Stati al suo interno?